Guida Vini d'Italia 2011 - Gambero Rosso
Guida i Vini d'Italia 2011 - L'Espresso
Guida Vini buoni d'Italia 2011 - Touring
Guida Vini d'Italia 2012 - Gambero Rosso
Il Golosario 2012
Guida i Vini d'Italia 2012 - L'Espresso
Guida Viniplus 2012 - AIS Lombardia
Enogea 2012
Guida Vini Buoni d'Italia 2014 - Touring
Guida Viniplus 2014 - AIS Lombardia
I migliori Vini d'Italia 2013/14 - Merum
Enogea 2014
Merum 03/2014
Guida Oro 2016 - I Vini di Veronelli
Guida Vini d'Italia 2016 - Gambero Rosso




Essendo in Tilio, al presente detto Teio, d’onde ne hebbe il nome la valle, bevei di un vino …che credo fermamente ch’egli sia il miglior, che al mondo si beva”. Queste parole di Ortensio Lando, filosofo bon vivant e letterato fra i più originali dell’umanesimo italiano, scritte nel 1548 e riferite al suo soggiorno a Teglio, in Valtellina, alla corte di Azzo Besta, ne fanno il vero antesignano dell’eccellenza del vino valtellinese. A lui è dedicato questo vino creato esclusivamente con uve Nebbiolo raccolte in una delle zone più pregiate del Valtellina Superiore, quella del Grumello. Un grande vino che si presenta, per dirla con Ortensio Lando, “grato al stomaco, utile a’ nervi e giocondo al palato”.